Contenuto principale

LA RESPONSABILITÀ PENALE AZIENDALE

Responsabilità aziendale penale tutela imprese das 23072020

In ambito di responsabilità penale aziendale, sussistono importanti novità legislative e ricadute “a cascata” sul singolo manager che dirige un’impresa.

Infatti, per certi tipi di reato, il legislatore ha introdotto una responsabilità personale aziendale in capo cioè all’azienda stessa e non all’individuo. Non solo il singolo manager risponde personalmente, anche con il proprio patrimonio, per illeciti penali commessi nello svolgimento del mandato manageriale, non solo è chiamato a rispondere penalmente anche per il fatto commesso da un proprio collaboratore, ma l’azione del manager potrebbe riverberarsi sull’impresa chiamata a salire sul banco degli imputati.

In questi casi è fondamentale una polizza di tutela legale. Capiamo il perché.

 

Che cos’è la responsabilità penale aziendale?

 

Ai sensi del decreto legislativo delegato n. 231 del 2001, il legislatore ha affiancato all’art. 27 della Costituzione, che sancisce il principio della responsabilità penale personale, la responsabilità penale aziendale per i reati commessi dagli amministratori che operano nel contesto organizzativo delle imprese. La società, in quanto persona giuridica, è ritenuta direttamente imputabile del reato commesso dal proprio manager e può esimersi da responsabilità penale solo in questi tre casi:

  • quando all’interno dell’azienda sono stati predisposti dei modelli di organizzazione e di gestione dei rischi idonei a prevenire la commissione dei reati;
  • quando il manager ha commesso il reato eludendo fraudolentemente tali modelli di organizzazione e di gestione dei rischi, quindi con l’intenzione consapevole di violare una norma penale;
  • se non c’è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dell’organismo aziendale interno di controllo.

I principali reati che possono coinvolgere l’azienda in qualità di persona giuridica sono (a titolo esemplificativo):

  • truffa;
  • frode informatica;
  • falso in bilancio;
  • false comunicazioni sociali;
  • ricettazione e riciclaggio;
  • violazione dei diritti di autore e di privative industriali;
  • reati ambientali.

Oltre alla condanna penale, la normativa prevede, in capo all’impresa persona giuridica penalmente responsabile, anche sanzioni interdittive accessorie che possono comportare la sospensione temporanea dell’attività nonché l’interdizione definitiva dallo svolgimento della stessa.

Perché integrare l’assicurazione professionale persona giuridica con una polizza di tutela legale

 

E’ fondamentale integrare l’assicurazione professionale persona giuridica con una polizza di tutela legale perché la prima (polizza RC impresa) assicura l’azienda nel caso di sospensioni dell’attività che siano la conseguenza di tali incriminazioni penali garantendo un ristoro economico per il blocco del processo produttivo (c.d. fermo attività). La seconda (polizza tutela legale) assicura la difesa penale dell’azienda, pagando le spese di giustizia, fino alla definitiva assoluzione.

La soluzione ideale? Il prodotto assicurativo di tutela legale Difesa Manager P. Giuridica.

DASy

Ciao sono DASy!

Hai bisogno di aiuto?