Contenuto principale

Il caso

Prodotto utilizzato: Difesa Associazione

Tempi di definizione: 4 mesi

Spese sostenute dal cliente: 0 euro

Spese legali e peritali risparmiate grazie a D.A.S.: oltre 5.000 euro

CASO RISOLTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA: LACROSSE, ULTIMO MATCH

Das difesa associazione polizza tutela sport 22072020

Il Lacrosse è uno sport simile all’hockey su ghiaccio, ma si svolge su un prato, all’aperto. Consiste nell’imbucare una palla di circa 20 centimetri di diametro nella porta avversaria avvalendosi di una specie di retino. È un gioco originario degli amerindi, i nativi americani, successivamente riadattato dai coloni francesi che si stanziarono nell’attuale Canada. Originariamente, era concepito come un modo pacifico di risoluzione delle controversie tra tribù confinanti.

Dopo la partita con i “Planet”, ultimo match della stagione, il capitano quattordicenne degli “Spring Rocket” ha riportato una lesione al muscolo della spalla. La causa dell’infortunio sportivo è stata la collisione con il centrocampista della squadra avversaria avvenuta con la racchetta durante un “body check”, un’azione regolamentare finalizzata a strappare la palla a chi la detiene.

Difesa Associazione è il nostro prodotto assicurativo di tutela legale pensato per proteggere gli amministratori e i singoli tesserati di un’associazione sportiva. Infatti, il mondo dell’associazionismo sportivo e dilettantistico è una realtà molto attiva, ben presente nel tessuto sociale del nostro paese e coinvolge giovani atleti, allenatori e dirigenti sportivi di numerose discipline dalle più note alle meno conosciute.

 

Perché stipulare una polizza Difesa Associazione? In cosa consiste la tutela legale di un’associazione sportiva?

 

La tutela legale opera principalmente in due ambiti, che dimostrano come sia importante avvalersi di un supporto legale qualificato anche quando l’attività agonistica è svolta in modo ludico, senza scopo di lucro e al di fuori dei circuiti federali:

  • assistenza legale per ottenere un equo risarcimento in caso di infortunio sportivo;
  • difesa da eventuali procedimenti penali a carico di un iscritto, di un allenatore o di un dirigente dell’associazione.

Il primo caso ha riguardato il giovane capitano degli “Spring Rocket”, che non era rimasto soddisfatto dell’indennizzo liquidatogli dalla Compagnia di RC dei “Planet”. Forse, non tutti sanno che la maggior parte degli infortuni sportivi riguarda muscoli, tendini, legamenti ed articolazioni piuttosto ché fratture o traumi alle ossa. Non solo. Le principali cause di infortunio sportivo possono essere favorite, prevenute o attenuate dalle seguenti variabili:

  • adeguati dispositivi di sicurezza individuale (nel Lacrosse, i giocatori devono obbligatoriamente portare guanti, casco regolamentare, paraspalle, paragomiti e paradenti per proteggersi dai colpi);
  • tipologia regole del gioco (sport di squadra, sport di contatto, ecc.);
  • “fair play” tra gli atleti.

Trattandosi di uno “sport di contatto”, entrambe le squadre si erano assicurate per questa tipologia di sinistri, ma il punteggio di invalidità, per il calcolo del danno non patrimoniale da lesioni macro permanenti, era stato troppo basso e l’associazione sportiva degli “Spring Rocket” ha attivato la polizza di tutela legale per ottenere un risarcimento maggiore.

I nostri avvocati hanno così disposto una visita medico legale di parte e hanno predisposto una richiesta risarcitoria che prevedesse 6 punti percentuali di invalidità anziché i 3 riconosciuti dalla Compagnia della squadra avversaria.

Dopo attento negoziato finalizzato ad evitare un contenzioso legale di non certo breve durata, le parti si sono accordate e il capitano quattordicenne degli “Spring Rocket” ha potuto ottenere quasi 9.000 euro di danno risarcibile, pari a 5 punti percentuali di invalidità oltre al rimborso delle spese mediche sostenute.

Il capitano degli “Spring Rocket” si sta dedicando adesso alla riabilitazione per affrontare al meglio, e con rinnovate forze, il nuovo campionato di Lacrosse. Noi della squadra DAS, gli facciamo tanti auguri!

 

Questo articolo trae spunto da un caso reale, ma ogni riferimento è puramente casuale.

DASy