PEDONI E CODICE DELLA STRADA: COSA C’É DA SAPERE?

Il codice della strada non è rivolto solo ai conducenti di veicoli, infatti, contrariamente a quanto si possa pensare, anche i pedoni devono rispettare una serie di regole disciplinate dall’articolo 190.

La normativa vigente prevede infatti una sanzione amministrativa da 25 a 100 euro per tutti i pedoni che trasgrediscono i divieti elencati nel suddetto articolo o che ne violino le regole. Innanzitutto viene regolamentato il luogo di circolazione dei pedoni; ovvero sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi a loro dedicati. In mancanza di questi spazi o in caso vi siano impedimenti e ostacoli per accedervi, i pedoni dovranno transitare sul margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli, in modo da provocare il minimo intralcio possibile alla circolazione. Durante gli orari notturni i pedoni che procedono sulla carreggiata di strade fuori dai centri abitati e prive di illuminazione pubblica devono inoltre  circolare su un’unica fila.

La legge prevede poi il divieto di attraversamento selvaggio della carreggiata, il quale deve essere eseguito mediante attraversamenti pedonali, sottopassaggi  sovrappassi. Solo qualora questi ultimi distino più di 100 metri dal punto di attraversamento, sarà consentito il passaggio, ma solo in senso perpendicolare e con la dovuta cautela (dando precedenza ai conducenti). È inoltre espressamente vietato il transito in diagonale delle intersezioni e l’attraversamento delle piazze e dei larghi fuori dai passaggi pedonali, anche se sono a distanza superiore ai 100 metri. Inoltre è vietato l’attraversamento stradale passando anteriormente gli autobus, i filoveicoli e i tram in sosta alle fermate.

Infine, il codice della strada sancisce il divieto di fermarsi o indugiare sulla carreggiata (salvo casi di necessità) e di sostare in gruppo sui marciapiedi, sulle banchine o sugli attraversamenti pedonali per evitare di essere di impiccio ed ostacolare il transito degli altri pedoni. Una serie di norme che è bene ricordare non solo per evitare di incorrere in una sanzione amministrativa, ma soprattutto per prevenire situazioni di pericolo per noi stessi e gli altri utenti della strada.